Gli annunci della presentazione Apple di oggi

Software

Spazio innanzi tutto alle novità in ambito di programmi.

Mavericks

La presentazione è stata l’occasione di annunciare, dopo la presentazione ai programmatori, OS X 10.9 Mavericks, il sistema operativo che abbandona i gattini. Disponibile già oggi (che per noi potrebbe anche voler dire domani), aggiornamento gratuito da Snow Leopard. Tra le novità:

  • Prestazioni ottimizzate, più autonomia, migliori prestazioni grafiche, sistema di compressione della RAM.
  • OpenCL.
  • Safari con notifiche Push che permettono una risposta immediata (qui spiegato ai programmatori, in inglese).
  • Finder migliorato, con schede, etichette per i documenti.
  • Plans e iBooks.

ATTENZIONE: In tutte le versioni sino ad ora note di Mavericks Mail presenta un gravissimo baco che rende il programma sostanzialmente inutilizzabile per chi usi GMail. A seconda delle vostre esigenze aggiornare subito potrebbe non essere una buona idea.

OS X 10.9 Mavericks è già disponibile, a questo indirizzo (attenzione alla prevedibile ressa per le prime 24 ore).

iLife, iWork

iWork ed iLife sono state aggiornate, sia le webapp che le applicazioni native per OS X e iOS. Come per iOS, i programmi di iWork ed iLife sono gratuiti per chi acquisti un Mac.
Dopo quattro anni di attesa Apple aggiorna iWork: il più importante aggiornamento di iWork di sempre (e volevo pure vedere!). Funzione interessante (e pericolosa per alcuni): è possibile condividere i documenti di iWork via iCloud con due tasti direttamente dall’applicazione. Su iCloud iWork ottiene anche la funzione di collaborazione (meglio tardi che mai!).

Hardware

La maggior parte della presentazione si è però concentrata sulle macchine.

  • Mac Pro. Due schede grafiche AMD FirePro, Thunderbolt 2, solo SSD, possibilità di collegare sino a tre schermi 4 K, fino a 64 GB di RAM. Disponibile a Dicembre, a partire da 3000$, con 12 GB di RAM e 256
    di SSD.
  • MacBook Pro (ecco, appunto, avevo capito male) MacBook Pro Retina 13″ più leggeri, più sottili (1,8 cm). CPU Haswell, GPU Intel Iris, WiFi ac, Thunderbolt 2, SSD. Prezzo, sceso di 200$, a 1299$. Non esistono più MacBook Pro 15 pollici non Retina.
  • MacBook Pro Retina 15 pollici. Processore Haswell Crystalwell, processore grafico Iris Pro e GeoForce GT 750M. Prezzo, anche questo in calo, 1999$
  • iPad, reso ancora più sottile (7,5 mm) e più leggero (453 g), e con l’occasione è stato ribattezzato come iPad Air. Più efficiente, con A7 a 64 bit, veloce il doppio della precedente. Messo in vendita in tutto il mondo a partire dal 1° Novembre, a 499$; iPad 2 resta in vendita a 399$.
  • iPad mini Retina. A sua volta riceve il trattamento A7, 64 bit, e si vanta di essere 4 volte più rapido del predecessore. Prezzo a partire da 399$, disponibili a Novembre. La versione precedente di iPad mini resta in vendita, a 299$.
  • Nuove Smart Cover, a 39$ e custodie a 69 e 79$.

Tags: , , , , , , ,

Shortlink: http://www.tevac.com/?p=13177

4 Commenti a “Gli annunci della presentazione Apple di oggi”

  1. kOoLiNuS 22 ottobre 2013 at 22:17 #

    Grazie D,
    impeccabile come sempre! Con calma mi giri il link del problema con Gmail ?

  2. Signor D 22 ottobre 2013 at 22:34 #

    Mhhh, è possibile che non abbia capito una cippa e fatto confusione sul modello 13″ tra MacBook Pro e MacBook Pro Retina. Domani vediamo.
    GMail: un problema che esiste sin dalla prima apparizione di Mavericks (CPU al 100% o più…).
    http://www.macg.co/logiciels/2013/10/mavericks-saccommode-mal-de-gmail-77173

    D

Trackbacks/Pingbacks

  1. Il punto sugli altri OS X: Lion, Mountain Lion e Server 3 - - tevac - 29 ottobre 2013

    […] sua presentazione, il 22 Ottobre scorso, le luci della ribalta si sono concentrate su OS X 10.9 Mavericks, lasciando […]

  2. Aggiornamenti a pioggia per Apple - - tevac - 29 ottobre 2013

    […] è stata pubblicata una notizia su Tevac a tempo debito, ma subito dopo la presentazione del 22 Ottobre scorso Apple ha messo a disposizione un gran numero di aggiornamenti che, per stilarne una lista non […]

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: