DropBox – condivisione files in un attimo

dbimmagine-12Alla ricerca di altri modi per condividere immagini o documenti, oltre al collaudato Mobile.me, mi sono imbattuto in DropBox.

Questo servizio permette, nella versione Basic, di avere 2 GB a propria disposizione gratuitamente, mentre nella versione Pro (9,99$/mese o 99/anno) di avere 50 GB.

Una volta scaricato il programma e copiato nella cartella applicazioni questo creerà una cartella Dropbox dentro la cartella ~/Documenti.
dbimmagine-13

Dentro questa ci troveremo già una cartella Photos ed una Public ma potremo crearne a nostro piacimento e decidere (via web) se vogliamo che queste siano pubbliche o limitate in qualche modo.
dbimmagine-14

Sarà sufficente inserire un documento dentro quelle cartelle sul nostro computer  per vederlo sincronizzato sul web e disponibile a tutti.

Per sapere l’indirizzo pubblico è sufficente cliccare col tasto destro sul documento, dove troveremo una nuova voce Dropbox.

dbimmagine-18

DropBox, una volta lanciato, installa una icona nella barra dei menù da cui è possibile svolgere le principali operazioni che lo riguardano:
dbimmagine-15

Un piccolo avvertimento: al primo avvio, Dropbox si configura automaticamente per partire ad ogni avvio del computer. Se questo comportamento non vi piace potete poi disattivarlo dalle preferenze e controllare dentro le Preferenze del vostro Account se viene effettivamente tolto.

Dentro le preferenze del programma è possibile anche limitare l’uso della banda in download e upload, nonchè usare un Proxy se lo si desidera.

Per chi usa Growl, Dropbox supporta le notifiche tramite questa utility.

Interessante anche il fatto che possa gestire le varie versioni dei file: se inseriamo un immagine con lo stesso nome di una esistente e confermiamo di volerla sostituire, via web sarà disponibile la revisione di ciò ed il ripristino delle versioni vecchie, potendo così rimediare ad eventuali sostituzioni accidentali.

Tags: , , , , ,

Shortlink: http://www.tevac.com/?p=2094

3 Commenti a “DropBox – condivisione files in un attimo”

  1. Riccardo.S 26 aprile 2009 at 20:11 #

    Lo uso ormai da diversi mesi, e devo dire che funziona molto bene sia come velocità nel trasferimento dei file sia sovratutto come affidabilità, fino ad ora nessun file corrotto, o perso.
    Altro punto a suo favore è che funziona molto bene anche dietro ad un proxy.

  2. pentolino 27 aprile 2009 at 08:39 #

    Confermo anche io la grande utilità e funzionalità di questo programma, funziona davvero come se fosse una cartella locale, facilissimo e comodo da usare.
    Funziona perfettamente con Mac Os, Gnome e Windows a parte qualche problemino (probabilmente derivante dalla forzata compatibilità con windows) con i nomi di file che differiscono solo per il case (es.: pippo.txt e Pippo.txt) con i quali ho avuto occasionalmente dei problemi ma mai perso dati.

  3. Annunci Immobiliari 19 settembre 2009 at 15:56 #

    Io l’ho preferito a Mobileme, per il semplice fatto che posso lavorare sui file in locale, cosa molto più veloce, mentre l’unico problema l’ho avuto con leopard, praticamente caricando un file di xpress da un macbookpro con SnowLeopard ed una volta aggiornato su un G5 con leopard quest’ultimo mi è arrivato senza associazione del programma, in pratica ho dovuto mettere l’estensione “.qxd” al file altrimenti xpress non lo apriva.
    Per il resto quoto quello che già avete detto pocanzi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: