iCloud, una sincronizzazione anomala

Cos’è iCloud? Una funzione, non un prodotto, come Dropbox. Tra l’altro è questo il monito che Steve Jobs avrebbe a suo tempo indirizzato ai fondatori di Dropbox, una sottile minaccia in risposta al no, non vendiamo che aveva appena incassato.
Dropbox non è che una funzione, e Apple è specializzata nel far funzionare le cose. Tipo… MobileMe!. Quindi se non Drew Houston non vuole vendere la sua società, iCloud si incaricherà di supplire e di annichilire l’avversario.
Una funzione già, ma quale? Semplice, salvare il dato documento su tutti gli apparecchi connessi ad iCloud, in altre parole sincronizzare, e questo da Apple, lo sanno fare, tipo… MobileMe!!

Mac OS X 10.7.2 è uscito, iCloud è partito, i clienti di MobileMe vi sono stati trasferiti in veste di clienti oro e tutti sono contenti. Perché? Ma perché funziona!

Ehm, no, non proprio tutti. Alcuni si lamentano. Ed il motivo è semplice: si affidano ad iCloud per sincronizzare i loro documenti e lo lasciano lavorare: e sotto i loro occhi, iCloud cancella i documenti. Chiaro, no? Un’applicazione nata per salvare in più dispositivi dei documenti, li distrugge!

La soluzione? A Cupertino non l’hanno ancora trovata, e sembra che uscire da iCloud, spegnere riaccendere il dispositivo per poi entrare nuovamente in iCloud non serva a niente. Voci non ufficiali né confermate riportano che l’ordine di Tim Cook ai suoi ingegneri sia stato “Iscrivetevi sul forum di Tevac e interrogateli!”, e, sinceramente, non pare una brutta idea. Certo volendo, c’è sempre Dropbox, che, funziona, lui.

Mentre nei quartieri generali ancora cercano una soluzione, qualcosa è stato scoperto: il problema sembrerebbe colpire innanzi tutto i documenti di iWork, ma, più utile ancora, solo utenti che prima usavano… MobileMe!

Tags:

Shortlink: http://www.tevac.com/?p=9001

14 Commenti a “iCloud, una sincronizzazione anomala”

  1. MacRaiser 26 ottobre 2011 at 07:47 #

    La profezia di Ethlite colpisce ancora :p

  2. max31055 26 ottobre 2011 at 09:52 #

    Caspita!! Per fortuna che ancora nonho attivato iCloud. A me non mi da molta fiducia e finchè funziona mobileMe uso quello!

  3. holden 27 ottobre 2011 at 16:03 #

    Mi avete fatto prendere un colpo…Stavo leggendo il vostro articolo su iCloud (io ex-utente MobileMe) quando sono arrivato alla parte in cui parlate della perdita dei documenti, specialmente in iWork e a danno degli utenti MobileMe, beh io sono uno dei fortunati a cui non succede, eppure ci lavoro giornalmente.
    Fino ad ora (e partono gli scongiuri del caso!) nessun problema di sincronizzazione dei documenti fra Mac, iPhone e iPad, ho notato dei rallentamenti, ogni tanto, ma ci può stare e un paio di volte ho dovuto premere ricevi nuova posta su Mac perché iCloud andava fuori linea, ma documenti persi nessuno.

  4. gennaro_mac 27 ottobre 2011 at 18:05 #

    Anch’io sono un utente MobileMe con “convertito” in iCloud che non ha verificato alcun problema. Ammetto di non usarlo tantissimo ma ribadisco, nessun problema.

  5. checco 28 ottobre 2011 at 19:38 #

    Da MobileMe ad iCloud senza problemi.
    Ovviamente per ora…

  6. MacRaiser 29 ottobre 2011 at 12:44 #

    E’ simpatica questa “moda” in voga da un po’ di anni, nel mondo della mela; questa sorta di raccolta di testimonianze che si crea “spontaneamente” ogni volta che qualcuno espone un problema nel software o nell’hardware made in Apple. Come se un malfunzionamento macroscopico e grave come quello illustrato da Daniele (si parla di perdita di dati, non di rallentamenti o batterie che durano meno) e lamentato da un consistente numero di utenti, potesse essere in qualche modo “alleviato” dal fatto che qualcuno dice “a me nessun problema”. E’ anche un po’ curiosa, a dirla tutta; perche’ viene automatico pensare che se un utente Apple ha un problema i colleghi utenti siano portati a solidarizzare. Invece pare di no. A prima vista, anzi, sembrerebbe quasi che chi tenta di far presente un bug o un’anomalia venga sottoposto ad una sorta di “isolamento”; come a voler dare l’impressione che si tratta di uno “sfigato” o roba del genere. Del resto che il software o l’hardware non debbano dare problemi e’ (o dovrebbe essere) la normalita'; a che serve dunque “testimoniare” la normalita’?

    Ma probilmente e’ solo una mia impressione. Una cosa e’ certa, pero': fossi uno di quelli che ha perduto i propri dati su iCloud, sarei portato a rispondere in modo scarsamente urbano a chi s’accoda per scrivere “tutt’apposto” sotto il mio post.

    Fortunatamente il problema non si pone, dato che iCloud non lo uso.

    • holden 29 ottobre 2011 at 19:44 #

      è sicuramente solo una tua impressione, almeno per quanto riguarda il mio commento è stato lasciato al solo scopo di comunicare che non sembrerebbe un difetto strutturale, lungi da me fare il “fan boy” o voler semplicemente comunicare che a me è andata bene, personalmente, quando ho qualche problema con hardware o software e voglio una soluzione dalla rete, prima vedo se il problema è comune a tutti e se non lo è rimetto in discussione le procedure che ho fatto per capire meglio se ho commesso io un errore oppure se c’è un bug, ritengo facciano lo stesso gli altri utenti e poiché a me è stato spesso utile ho ritenuto di pubblicare una testimonianza, penso servano a questo i commenti nei blog, ma magari mi sbaglio; aggiungo anche che se volessi isolare le persone a cui non funziona qualcosa mi limiterei a non leggere gli articoli sulle disfunzioni che non mi toccano…

    • Daniele Pitrolo 30 ottobre 2011 at 19:37 #

      Non so cosa direbbe una vittima del malfunzionamento, ma io, in quanto autore del pezzo, trovo che i commenti siano sempre benvenuti!

      • MacRaiser 1 novembre 2011 at 07:51 #

        Dai commenti qui su Tevac “non-forum” (precisiamo, per carita’, per i chi ha ancora dubbi sulla url scritta in cima al suo browser) emerge che il difetto lo hai solo tu. Ora, siccome se vai di parola chiave “iCloud cancella”, su Google ti esce l’iradiddio, mi pareva strano che qui invece fosse (per l’ennesima volta) “tutt’appost” e che il guaio fosse solo tuo. Ma sara’ una coincidenza senza meno ;)

  7. Clod 4 novembre 2011 at 11:18 #

    Buongiorno a tutti… io sono quasi un fanboy ma non nego che il problema esiste eccome… sono uno che per fortuna ogni volta che modificavo un file lo salvavo su mobileme… Non appena ho attivato iCloud mi sono spariti tutti i documenti… ma soprattutto il problema è che se inserisco un nuovo documento in automatico me lo cancella… spero trovino una soluzione il più presto possibile…

  8. Clod 4 novembre 2011 at 16:01 #

    No come ho già detto salvavo sempre prima di chiudere quindi sul Mac ce li ho ancora… solo che sull’iPad e iPhone non riescono a salvare niente perché me li cancella di continuo… Per ora l’ho disattivato sperando che risolvano il prima possibile…

Trackbacks/Pingbacks

  1. Guida per la chiusura di MobileMe - - tevac - 11 giugno 2012

    [...] fallimentare, che talvolta è riuscito a fare danni anche dopo la sua morte (leggi su Tevac iCloud, una sincronizzazione anomala, ma ad otto mesi dall’inaugurazione del servizio anche i più prudenti possono pensare di passare [...]

Lascia un Commento

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: