Onore al POC…

Fabrizio Re Garbagnati, amico di vecchia data e compagno di tante merende, firma il messaggio che nella home page del sito del PowerBook Owner Club (POC) ne chiude praticamente l’attività, ulteriore segno della fine di un’epoca. Il POC, che ha regalato tanti importanti momenti nella vita degli appassionati Mac di vecchia data, diventa forse un bel ricordo.

Magari non è proprio la fine del POC, magari si tratta di un’evoluzione, qualcosa di nuovo e più attuale, magari qualcos’altro…

Un messaggio al passato, carico di ricordi e di emozioni, e non potrebbe essere diversamente. La passione di ieri verso i prodotti Apple non ha nulla a che vedere con quella che sarebbe possibile nutrire ora. Mi dispiace per i ragazzi che oggi parlano della mela, anche in termini entusiastici, anche fanatici, ma in quei periodi era davvero tutto diverso. Eravamo un po’ tutti dei pionieri, specie chi con il Mac ci lavorava, alcuni pure degli evangelisti.

Noi eravamo diversi, come scrive Fabrizio, perché i tempi erano diversi:

con il tempo e il cuore che avevamo allora

Il sito del POC si è fermato con la morte di Jobs, ma era da tempo che dava segni di stanchezza, come tanti altri siti che non si sono dedicati al far soldi in rete con la scusa di dare informazioni sul mondo Apple. Gli stessi segni di stanchezza di cui soffre anche questo sito.

A chi come noi ha iniziato tanti anni fa, motivati solo dalla passione, succede che i tempi cambiano, le persone cambiano. Anche le passioni cambiano, e quella per Apple  non è stata da meno, un po’ anche per colpa di Apple, se vogliamo.

Ora abbiamo lavoro, famiglia, nuove cose da fare e un mondo che ci circonda che è pieno di Mac. Noi ci viviamo felici dentro, sorridendo ancora ad ogni melina che vediamo appiccicata a una macchina o a un motorino, ad ogni cuffietta bianca che si intreccia ai capelli dei ragazzi nel metrò e a tutto quello che questa mela rappresenta, per noi.

Beh, rimane il ricordo di tante bisbocce fatte assieme, tanti amici che continueremo a sentire per un motivo o per l’altro, magari anche per un Mac, o per le pizzate che, a quanto leggo, continueranno…

POC - PowerBook Owner Club

Tags: , , ,

Shortlink: http://www.tevac.com/?p=9799

12 Commenti a “Onore al POC…”

  1. kOoLiNuS 12 febbraio 2012 at 09:42 #

    Sigh!

    Mi cheido se non sia possibile riunire sotto un unico ombrello, dimenticando eventuali passate rivalità, tutte quelle persone che

    non si sono dedicati al far soldi in rete con la scusa di dare informazioni sul mondo Apple.

    magari, visto che qui stiamo (mi passerete il plurale) resistendo, proprio con Tevac come ombrello…

    • Roberto Rota 12 febbraio 2012 at 10:47 #

      Beh, noi siamo qui, resistere è una parola grossa, la verità è che andiamo avanti per inerzia, o per testardaggine, però ci siamo…

  2. Fabrizio Re Garbagnati 12 febbraio 2012 at 11:20 #

    Grazie Roberto, quando passi da Milano ci vediamo almeno per una birra. 🙂

    • Roberto Rota 12 febbraio 2012 at 15:55 #

      contaci, è un sacco che non ci si becca (e che non passo da milano)… 😉

  3. Simulacron 12 febbraio 2012 at 13:16 #

    Segnalo qui perchè il tracker sembra chiuso (non ho trovato dove segnare il bug).
    C’è un problema: nell’altra versione dell’articolo, http://forum.tevac.com/topic/79611-tevac-onore-al-poc%E2%80%A6/ ci sono svariati

    [indent] e[/indent]

    Suppongo si riferiscano ad un paragrafo o qualcosa di simile. Non fa fine vederli.

    Quel tracker come lo si usa?

  4. ClaF 12 febbraio 2012 at 14:48 #

    “quando eravamo pochi e bellissimi” 🙂
    L’altra sera ho installato Mac OS 7.5.3 in emulazione sull’iMac. Appunto.

  5. zeus 12 febbraio 2012 at 17:42 #

    io sono entrato nel mondo apple poco più di 2 anni fa dopo tanto tergiversare, mi sembra però che apple non è o non è più il mondo che sognavo io. Ora mi sembra solo un posto infestato da snob fanatici che poco o nulla sanno della storia di apple, ed apple sta diventando una azienda di gadgets costosissimi. Chi utilizzava professionalmente i prodotti apple è sempre più emarginato, ho aspettato troppo per entrare nel mondo apple e mi sono perso il meglio, mi piacevano di più i tempi del IIc del II gs ( ho una certa età) poi i vari mac fino ai primi imac che ancora secondo me trasudavano di vecchia cara apple. Sono entrato nel mondo apple quando apple ha perso l’anima, rimane poco posto per chi parla seriamente dei suoi prodotti dei suoi computer mentre c’è tanto posto per chi parla dei suoi telefonini e ipad, sto scrivendo con un ipad; ottimi prodotti bellissimi ma senza un anima.

    • Frank 14 settembre 2016 at 19:27 #

      Apple è sempre quel mondo, il mondo che presenta continue novità dove spiazza gli altri, li lascia senza fiato. poi cercano di darsi da fare ed aggiungono magari qualche pixel in più alla fotocamera senza capire tutto il resto. È vero il tuo commento è di quattro lunghissimi anni fa, sono capitato su questo sito per caso solo oggi e, leggendo della morte del POC (il POC o chi ne fa parte non è morto), ho letto tutto e fatto un intervento.
      Non sono d’accordo con te sull’emarginazione di chi usa il Mac professionalmente, ed i tempi che hai menzionato (il Iic Igs) erano i tempi bui, quelli dove Apple non sapeva dove andare, in crisi profonda fino al rientro di Steven Jobs, che ha riportato una ventata i vita e tantissime novità. L’anima Apple l’ha sempre ed anche oggi la si respira. Sono cambiati i prodotti, perché oggi è cambiato il modo di lavorare, di pensare, di muoversi. Oggi le tue cose la fai dappertutto, e non sempre ti serve un computer. Anche questi nuovi prodotti hanno un’anima, grande, grandissima. Io continuo ad esserne innamorato, succede da inizio 1992. 🙂

  6. Franco Piva 14 febbraio 2012 at 23:32 #

    Ricordo con molta nostalgia il POC… e ricordo con altrettanta invidia le persone che all’epoca potevano vantarsi di essere “di diritto” in quanto possessori di un costosissimo PowerBook! Ve lo ricordate il WallStreet?
    Mi ricordo il mai compianto abbastanza Luca Arnulfo animatore di discussioni infinite sulla mailing list; lui che ad ogni portatile aggiungeva RAM fino ad arrivare al massimo della capacità (si parla di massimo 1Gb ma erano anche molti anni fa!).
    Fa molta tristezza vedere come altri siti sopravvivano e guadagnino parlando di iCazzate (perdonatemi il termine che però rende molto bene l’idea), che riempiono pagine e pagine con recensioni di app in offerta o di salvataggi di treni grazie al GPS integrato nell’iPhone 🙁 Cosa impossibile da fare con un BB o WinPhone naturalmente…
    E’ davvero finita un’epoca nella quale eravamo i rompiballe della compagnia a decantare il nostro mac: ora sono tutti neo utenti invasati fanboy che non sanno nulla delle gioie e dei dolori del mondo Apple dell’era seria pre iPhone. Parlano anche loro di iCazzate e non se ne rendono conto. Hanno l’iPad e l’iPhone e quindi sono moderni ed al passo con i tempi.
    Un mio parente un po’ avanti con l’età un giorno mi dice: Franco, ho preso l’iPhone. Vado a casa e mi mostra orgoglioso un cellulare S…..g G….y II. Gli dico: non è un iPhone! Risposta: non lo so, però è touch! 🙁 🙁
    W Tevac!

  7. frank 14 settembre 2016 at 19:11 #

    Noi, ovvero quelli che si incontravano sempre per la pizzata di fine mese, noi, continuiamo ad incontrarci. Tutti gli ultimi venerdì del mese. Non ci sarà più il negozio a “raccoglierci, non ci sono più i vari PocPrez, Fab, Lux Birpi o altri “fondatori” che poi, per motivi che non ho intenzione di tirare fuori, hanno voluto chiudere senza chiedere o rendere conto agli altri soci. Un po’ come il bambino padrone del pallone che ad un certo punto, stanco di giocare, porta via il pallone e lascia gli altri lì. In questo caso, NOI siamo rimasti, ci raccontiamo di tutto e, come prima, hanno famiglia, figli ma non sono invecchiati, sono solo cresciuti e parlano anche di Applem ma si incontrano.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Onore al POC | kOoLiNuS ☞ il blog - 12 febbraio 2012

    […] 1996 / 2012, apprendo la triste notizia da Tevac […]

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: