Realizzare una WebRadio: Radio Casa Bastiano

logo radio casa bastianoL’idea di realizzare una webradio l’avevo da tempo, era un sogno nel cassetto non ancora realizzato prima a causa della mancanza di un collegamento a banda larga e poi della necessità di costosi permessi e licenze per trasmettere musica protetta da diritti d’autore. L’unica cosa che non mi mancava era la mia musica, i miei cd acquistati molte volte a fatica e gelosamente conservati in tutti questi anni e i più recenti downloads dall’iTunes Store.

In attesa di una connessione decente e di approfondire i temi legati al copyright ho iniziato a digitalizzare, con santa pazienza, tutti i miei cd. All’epoca avevo un Mac Mini G4 che, dopo alcune intense sessioni notturne di importazione, dava evidenti segni di stanchezza, ma resisteva, così come ho resistito io fino a che, un bel giorno di fine estate, ho potuto allacciarmi a una connessione wdsl. Unico e privilegiato cittadino del mio comune ad avere in prova questo servizio per un mese ho iniziato subito i primi test di trasmissione dello streaming musicale. Ho acquistato la licenza di quel fantastico software per Mac che si chiama Nicecast, strumento perfetto per mettere direttamente in streaming su un server Shoutcast (o Icecast) tutto quello che trasmette iTunes.

A questo punto la realizzazione del mio sogno era davvero vicina: avevo una connessione veloce, la mia libreria di iTunes cresceva di settimana in settimana, rimaneva solo lo scoglio delle licenze: quanto dovevo pagare e a chi? Dopo un po’ di ricerche mi è subito apparso chiaro che la cifra da sborsare a SIAE ed SCF per una radio amatoriale era notevole, ma forse non irraggiungibile. Forse con un po’ di banner e qualche donazione sul mio sito che iniziava ad avere una discreta visibilità potevo farcela…

E’ così che è partita la fantastica avventura di Radio Casa Bastiano, che ora ha in media 100 ascoltatori unici al giorno provenienti da tutto il mondo e da novembre 2008 è entrata tra le radio di iTunes (la trovate sotto il genere International). Oggi la libreria di iTunes di Radio Casa Bastiano è di circa 25.000 brani e gira su un iMac 20” con processore Intel Core 2 Duo da 2,66 e 4 GB di memoria. Trasmette solo buona musica in streaming 24 ore al giorno ed è raggiungibile, oltre che da iTunes, dal sito radio.casabastiano.com tramite i media player più diffusi o direttamente con il pulsante PLAY realizzato in flash.

Volete qualche consiglio per mettere in piedi una webradio?

  • iniziamo lato server: se la webradio non gira su una lan è necessario prendere della banda su un server di streaming oppure utilizzare una macchina ad hoc e avere a diposizione tanta banda per accontentare tutti gli utenti che si collegano.
  • riguardo alla tecnologia di trasmissione io utilizzo Shoutcast, ma ci sono anche Icecast e Flash. A seconda di quanti utenti si pensa di avere collegati simultaneamente e alla qualità di trasmissione si sceglie un pacchetto di banda… vi dico subito che non è proprio economica e che se si trasmette come webradio amatoriale la SIAE non permette di avere più di 30 ascoltatori simultanei (diverso il discorso per quelle commerciali o per le associazioni)
  • lato client: utilizzando Shoutcast/Icecast si può trasmettere da Windows con un plugin di Winamp o da Mac con un software a pagamento che si chiama Nicecast che io utilizzo e che è davvero ben fatto, oltre che molto semplice da configurare. Non so da Linux cosa ci sia, ma sono sicuro che si trova qualcosa per trasmettere anche da lì. E’ tutto di facile configurazione, la cosa più difficile è trovare il giusto compromesso tra qualità del suono e utilizzo della banda disponibile (io mi sono assestato su 44.100 hHz a 64 kbps utilizzando un plugin per iTunes che mi livella allo stesso volume i brani in tempo reale in modo tale che sulle tracce + vecchie non si abbia un effetto proveniente dal medioevo).
  • lato diritti d’autore: questa è la mazzata finale. Se si trasmette musica coperta da diritto d’autore i casi sono due: o si ha la liberatoria dell’artista o bisogna pagare SIAE e SCF. Vi rimando ai loro siti per trovare tutte le info e vi anticipo che potete avvalervi di sconti sulle licenze sfruttando la convenzione con l’associzione WRA – Web Radio Associate

L’esperienza di una webradio amatoriale è molto stimolante e vi permette di far ascoltare la vostra musica ad un universo potenzialmente infinito di persone con le quali ben presto, attraverso la musica, riuscirete ad instaurare un rapporto del tutto particolare. Alcuni vi scriveranno, si complimenteranno, doneranno i soldi di un caffè, altri ascolteranno solamente, ma se la musica è buona torneranno e prima o poi si faranno vivi!

Michele Lanzarini dice di se: “ottimista di natura, la musica mi accompagna ovunque. Nel bosco ritrovo me stesso, a un buon bicchiere di vino non dico mai no! Con il mio iMac trasmetto buona musica su Radio Casa Bastiano e aggiorno live i dati della stazione meteo di Montese.”

Radio Casa Bastiano

Tags: , , , , , , , , , ,

Shortlink: http://www.tevac.com/?p=2501

5 Commenti a “Realizzare una WebRadio: Radio Casa Bastiano”

  1. Sandrino 19 maggio 2009 at 09:01 #

    “lato diritti d’autore: questa è la mazzata finale. Se si trasmette musica coperta da diritto d’autore i casi sono due: o si ha la liberatoria dell’artista o bisogna pagare SIAE e SCF.”
    Non è proprio così. Quando un autore si iscrive alla SIAE, c’è un contratto dove la SIAE stessa si impegna a tutelarlo sempre. Se l’autore firma un foglio che autorizza la diffusione radiofonica ad una web radio, contrattualmente non può sollevare la SIAE da svolgere il proprio lavoro quindi non ha valore. Un autore iscritto alla SIAE quando scrive un brano, questo comunque è soggetto ad un diritto che è quello di proprietà (pur non avendolo depositato) e la SIAE avendo un contratto con questo autore, può comunque dire la sua su questo brano non depositato. Usare uno pseudonimo, in maniera che non si risalga all’autore iscritto potrebbe essere una soluzione legale.

  2. guidone 27 maggio 2009 at 10:11 #

    ciao michele, ho una webradio da circa 4 anni e utilizzo gli stessi software lato client/server di Radio Casa Bastiano ma non sono mai riuscito a capire come entrare nelle playlist di iTunes, mi aiuti?

  3. greenvespa 27 maggio 2009 at 17:41 #

    Ringrazio Sandrino per la precisazione (alla fine, a meno che non si scelga di trasmettere musica CC, la SIAE bisogna pagarla) e rispondo a Guidone segnalando il link alla Knowledge Base di Nicecast http://rogueamoeba.com/support/knowledgebase/?showArticle=NicecastiTunesRadio dove sono indicati chiaramente i passi da seguire per essere inseriti nella selezione delle radio di iTunes. Io ho inviato l’e-mail ad Apple il 28/05/08 e ho ricevuto risposta il 29/10/08… “Update will be live tonight” dopo 5 mesi di attesa la risposta è stata positiva!

  4. Manuel Rosini 20 settembre 2017 at 16:07 #

    Defibrillo questo post datato per chiedere un’informazione, il link per inviare la mail ad Apple affinché aggiungano la (mia in questo caso) web radio non è più funzionante, che voi sappiate ci sono metodi, ad oggi, per inoltrare la richiesta? Grazie mille in anticipo.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Come funziona una webradio | Casa Bastiano - 20 dicembre 2011

    […] di una webradio come RCB. Rimandando tutti gli interessati a leggere il sempre attuale articolo che scrissi per Tevac qualche tempo fa, riassumo qui i primi passi fondamentali da seguire per […]

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: