Riservatezza = Privacy = Sicurezza

Salvaguardare la riservatezza dei propri dati significa salvaguardare la propria privacy e, per molti aspetti, anche la nostra sicurezza. La rete non è una novità che sia un reticolo di trabocchetti, specchietti per allodole e truffe vere e proprie, e spesso ci si può incappare anche visitando apparentemente incolpevoli siti che, a loro volta, sono stati violati. Ed è uno solo dei tanti esempi che si potrebbero fare.

Come fare per cautelarsi, quali precauzioni adottare, come monitorare lo stato di salute delle nostre connessioni e dei nostri dati?

Poi ci sarebbe tutto un discorso da fare riguardante l’utilizzo della rete stessa, specialmente da quando spopolano i Social Network, quando è la rete stessa a dichiarare guerra alla privacy, a tentare di convincerci che oramai siamo tutti in piazza, che tutti possono conoscere tutto di tutti. Poi c’è il business sui dati in rete, e le recenti accuse mosse a Google sono solo l’ultimo fatto che dovrebbe far riflettere.

Ma alla fine noi come ci proteggiamo? Come gestiamo i famigerati cookies dei browser? Monitoriamo le connessioni che effettuano i nostri apparecchi in rete, computer o smartphone che siano, e come?

Tante domande, e la nostra esperienza, anche nelle cose apparentemente più semplici, potrebbe essere di aiuto a tanti altri meno esperti, o solo meno smaliziati.

Se volete possiamo discuterne qui, con i commenti, o se preferite una discussione è già attiva sul forum: Riservatezza in rete: cosa fate, voi?, che vi consiglio comunque di sfogliare per farvi un’idea di quanto già detto e discusso.

Sarebbe interessante e credo pure utile, una volta tratte le conclusioni, farne un estratto semplice e comprensibile ad uso e consumo degli amici di Tevac. Ci impegneremo in tal senso…

Tags: , ,

Shortlink: http://www.tevac.com/?p=9961

Un Commento a “Riservatezza = Privacy = Sicurezza”