Thunderbolt, una svolta possibile?

Thunderbolt nei computer AppleSulle interfacce utilizzate da Apple nei suoi Mac prima, e nei device poi, se ne è discusso a lungo. Le USB sempre un passo indietro alla concorrenza, le Firewire apparentemente mai abbastanza spinte da rimanere di nicchia, e ora è il turno di Thunderbolt, che affanna sul mercato nonostante le evidenti (a chi ha il piacere di goderne) superiorità.

Comprensibile quindi la domanda di psonic:

“A parte il monitor della Apple e un hard disk della Lacie, che costa quasi quanto un MacBook Air, cosa altro e’ stato fatto? Quando ho comprato il mio iMac, quasi un anno fa, sembrava che Thunderbolt dovesse quasi sostituire USB 3, ma non mi pare che siano stati fatti molto progressi…”

e condivisibile l’opinione di Cristiano:

“C’è una differenza con Firewire che potrebbe far presagire destini migliori: mentre Firewire era “solo” più affidabile e poco più veloce, Thunderbolt è un salto (di qualità) completo…”

Ma ancora non è ben chiaro se questa tecnologia riuscirà ad imporsi, nelle preferenze degli utenti Apple ma soprattutto sul mercato.

Voi che ne pensate? Potete dire la vostra qui, o continuare con l’allegra combriccola sul forum: Thunderbolt: che futuro?

Tags: , , , ,

Shortlink: http://www.tevac.com/?p=9935

14 Commenti a “Thunderbolt, una svolta possibile?”

  1. Furio 23 febbraio 2012 at 18:23 #

    Bella domanda!
    Sto proprio valutando il cambio, a medio termine, del mio vecchio MacBook a cui aggiungere lo schermo 27″ Thunderbolt.
    Niente da dire sulla qualità dell’immagine e sulla comodità di avere il monitor che ti alimenta e che fa da hub per 6 periferiche (dice la pubblicità…) però c’è da chiedersi se il gioco vale la candela.
    Intanto le porte disponibili sono limitate proprio sul Thunderbolt: ce n’è solo una, quella che serve a collegare il MacBook, per cui per altri dispositivi bisognerebbe acquistare un hub Thunderbolt che non è proprio economico, altrimenti addio “catena”. Poi i vantaggi della velocità di trasferimento, notevole non c’è dubbio, sono evidenti per chi faccia un uso spinto della grafica o della postproduzione foto-video; e non è il mio caso.
    Insomma, ho ancora tanti dubbi.

    • Cristiano 23 febbraio 2012 at 22:32 #

      non hai bisogno di un hub Thunderbolt, il monitor ha una porta TB sul retro per fare la catena.
      Sui MacBook Pro puoi mettere anche due monitor 27″ insieme, oltre a HD, schede video, ecc…

    • madmaxmac 23 febbraio 2012 at 22:33 #

      L’Apple Thunderbolt Display non utilizza la porta presente nel pannello posteriore per collegare il MacBook Pro/Air ma il solito cavo che parte dal centro (posteriore) del monitor stesso e che si divide in due parti: la Thunderbolt da collegare al MacBook e il cavo MagSafe per ricaricarlo. Questo lascia libera la porta supplementare; starà poi a chi produce periferiche a produrne con 2 porte (questo capitava anche con la FW800 e la USB e da quanto si è disposti a investire).

  2. madmaxmac 23 febbraio 2012 at 22:26 #

    La Thunderbolt, se supportata a dovere, potrebbe rivelarsi una gran comodità. Addio ai mastodontici MacPro magari sostituiti da una versione ugualmente potente ma all’apparenza non espandibile. L’espandibilità sarebbe assicurata dalla porta Thundebolt che permetterebbe di affiancare uno chassis dedicato a chi necessita di schede di espansione specifiche lasciando la versione base a chi necessita di pura potenza di elaborazione e basta. Niente di questo è possibile con USB 2/3 e FireWire 800. Chi ha un MacBook Air con la Thundebolt ha un sistema molto più espandibile rispetto ai primi modelli. Non limitiamoci a pensare a Thunderbolt come un sistema per collegare solo HD veloci. Le possibilità sarebbero infinite.

    • Signor D 24 febbraio 2012 at 01:47 #

      Sì, è vero: le possibilità sono infinite, e forse è questo che permetterà di vincere su USB 3.0.
      Al tempo stesso, visto che Thunderbolt è il ripiego del progetto Light Peak (verosimilmente il prossimo passo dell’evoluzione), io spero davvero che da ora qualcuno inizi a prendere seriamente in considerazione la retrocompatibilità.

      D

    • psonic 24 febbraio 2012 at 12:08 #

      …sarebbero infinite… peccato che non lo sono! Ho iniziato questo thread proprio perche a un anno di distanza, vedo pochissimi sviluppi e mi sembra che – purtroppo – vincera’ l’USB 3.
      Quando comprai il precedente IMAC, nel 2003, apple ancora si ostinava a non utilzzare USB 2 e a puntare tutto su FIREWIRE, alla fine si rivelo’ una scelta sbagliata— purtroppo!

      • Silvano Dotti 27 febbraio 2012 at 17:46 #

        In realtà la scelta era più che giusta (io faccio molto video e ti garantisco che la differenza c’è) il problema é che non si può lanciare una novità ottima, ma costosa senza supportarla con accordi con i produttori che ne garantiscano un minimo di diffusione con conseguente abbassamento dei prezzi.

  3. madmaxmac 24 febbraio 2012 at 13:02 #

    Provate a dare una occhiata al sito di Sonnet o di Magma e vedrete che sono in produzione o in procinto, sistemi di espansione che ospitano schede PCIe su sistemi Thunderbolt. Thunderbolt non è (solo) un sistema per collegare periferiche.

    • psonic 24 febbraio 2012 at 14:41 #

      si qualcosa e’ stato fatto, ma ancora molto poco. I (pochi) prodotti thunderbolt che sono stati fatti mi sembrano indirizzati a un uso molto “pro”, quindi la scelta piu’ logica sarebbe stata di dotare di porte thunderbolt solo i mac pro e forse i macbook pro, mentre per noi comuni mortali (ovvero utlizzatori di imac e macbook) sarebbe stata meglio la bistrattata USB 3.0.
      Anche in campo fotografico e video non mi sembra sia stato fatto molto iin tal senso…
      Questo ovviamente visto con il “senno di poi”, probabilmente Apple si aspettava una diffusione maggiore del thunderbolt. Spero di essere smentito presto ,ma ci credo poco ormai

  4. Silvano Dotti 27 febbraio 2012 at 15:01 #

    L’ossessione da “primo della classe” di Apple purtroppo è nota e, se è vero che io non cambierei mai la FireWire con la USB 2 (non è solo questione di velocità: c’è la connettività a catena senza bisogno di Hub, il flusso continuo di dati senza pause per “prender fiato” ecc. ecc.), questa volta temo che avere snobbato la USB 3 sia stato un errore.

    Sicuramente la Thunderbolt è un’altra cosa per via della possibilità di un flusso bidirezionale, ma il problema è che il suo lancio da parte di Apple è avvenuto senza che nessun produttore fosse pronto al rilascio di dispositivi TB, mentre il mercato pullula di USB 3.

    In ogni caso ora qualcosa si sta muovendo e, come si può leggere in un post, mai pubblicato, che avevo inviato qui all’inizio dell’anno e ora disponibile su http://multimela.ning.com/ ora diverse ditte si stanno lanciando su TB cui è stato dato il via anche per altri Os da Intel che lo produce.

    Meglio tardi che mai…

    • Roberto Rota 27 febbraio 2012 at 15:38 #

      Ciao Silvano, ora che me lo fai notare il tuo post era stato pubblicato, e qui c’è il rimando sul forum via RSS che viene generato automaticamente, purtroppo è “caduto” in quei giorni in cui abbiamo avuto problemi con il vecchio provider, e sono andati persi 10 gg di attività a causa delle difficoltà di poter accedere ai backup giornalieri.

      Mi spiace..

      rob

  5. Silvano Dotti 27 febbraio 2012 at 17:38 #

    Grazie Roberto, in effetti non capivo il perché della manata pubblicazione: in quel momento era uno scoop.

    L’importante é che ThunderBolt diventi una realtà DISPONIBILE e ACCESSIBILE non solo a pochi eletti, altrimenti finisce in un flop.

  6. gian.luca 1 marzo 2012 at 17:58 #

    TB e Usb3 sono pianeti differenti, come Terra e Marte.
    TB è pensato per utilizzo in ambito pro, con trasferimenti di montagne di Gbit/s.. questo significa, sulla carta, disporre di una sorta di pci-exp… Usb3 e Fw a confronto sono vecchie RS-232, non tanto in velocità, quanto in innovazione del protocollo seriale.
    Nessuno impedisce di utilizzare TB in ambito consumer, per sfogliare rapidamente le nostre 5000 foto su iphoto, ma in questo caso va anche bene un disco esterno da 2tb usb.
    La storia dell’ossessione del primo della classe non si regge in piedi (con tutto il rispetto per l’opinione di chi ha scritto). Apple non è un gruppo di ragazzini emotivi che assembla PC in casa per fare videogame . Il loro obiettivo è fare innovazione. Se decidono di non supportare flash o altri accrocchi, hanno i loro motivi (condivisibili o meno) .. ma spesso ci prendono. In Usb3 evidentemente hanno visto ciò che è, ovvero l’evoluzione di Usb2, senza una vera evoluzione (o rivoluzione). Perciò si sono messi al lavoro per mettere a punto qualcosa di ‘rivoluzionario’ assieme ad Intel (altra azienda che non produce giochini).
    Poiché Intel è anche nella maggior parte di PC/win-linux in circolazione, la strategia è tutt’altro che approssimativa ;-)
    Ad essere indietro, come sempre, sono i produttori di periferiche i quali, non avendo le spalle di Apple, spesso hanno difficoltà a tenere il passo. Stessa cosa accade anche a livello sw, purtroppo..
    Comunque penso sia solo questione di tempo (non molto), TB finirà anche nei PC e in commercio avremo periferiche ‘economiche’ Usb2/3 e Fw800 e periferiche ben più costose con porte TB.
    I pc desktop si ridurranno di dimensioni, perdendo pci-exp.. allo stesso modo in cui accadrà probabilmente ai nuovi mac pro. il 99,9% delle macchine desktop in circolazione hanno il bus pci completamente vuoto. Il futuro è nella modularità ;-)

    • Silvano Dotti 8 marzo 2012 at 21:20 #

      Beh, io credo che la ricerca sia sempre una cosa buona, ma l’introduzione di una innovazione, se veramente degna e non solo una azione di propaganda, andrebbe preparata e concordata con i partners altrimenti rischia di restare una bollicina di sapone destinata a scoppiare.
      Ad es. LaCie che da sempre ha un occhio di riguardo per Apple ed i suoi utenti è rimasta a lungo impreparata, come fosse sorpresa, ed ha rinviato più volte gli annunciati nuovi device TB, mentre in poco tempo ha rilasciato HD e schede di compatibilità USB3 per Mac.
      Nel frattempo chi ha un mac recente con TB si è trovato con una porta inutilizzabile…

Lascia un Commento

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: