Una estate da Leoni

Il Settimo sigillo di Mac OSX è in arrivo nella stagione calda, quando e quanto calda non è dato ancora sapere ma a fare le pulci al Leone, di novità se ne trovano parecchie anche se dire che quelle fondamentali sono due: la convergenza verso l’esperienza utente IOS e l’implementazione delle funzioni Server nello stesso pacchetto del sistema Client, quasi che Apple stia pensando di traghettare tutti verso un unico ecosistema familiare se pur operante su devices diversi.

Mission Control su OSX Lion 10.7

L’ampliamento della clientela Apple ottenuto  attraverso iPhone/iPad/iPod è una occasione troppo ghiotta per non pensare di convertire parte di questi numeri in utenza Mac e Lion viaggia in questa direzione oltre che verso una fascia office tradizionalmente territorio di Microsoft..

Quello che salta subito all’occhio è che Lion vive di gestures e quindi non può prescindere da un trackpad che possa sfruttarle a pieno, la cosa potrà essere indifferente a chi lavora di mouse e keyboard shortcuts ma non lo è per chi viene da iPad e uso a far scorrere le dita, ergo per un uso dell’interfaccia di Lion che echeggi IOS il Magic Trackpad è essenziale sui Mac desktop, cosa questa che li avvicina ai portatili oltre che agli iPad, il mouse rimane comunque essenziale dove è richiesta precisione anche se su Lion questa sarebbe una ottima ragione per passare finalmente ad una tavoletta grafica da regalare a Photoshop..

La considerazione da fare è che molte persone questo sarà il primo Mac OSX che vedranno e quindi non saranno al corrente dei cambiamenti rispetto a Snow Leopard, sarà per loro naturale che Spotlight mostri le anteprime dei documenti, non sapranno mai dove si trova la cartella ~/Library perché è stata nascosta ed useranno il Launchpad per aprire le App che avranno acquistato su App Store e per tutti loro Rosetta rimarrà sempre un qualcosa legato ai geroglifici egizi..

Di sicuro chi è stato lungamente provato dalle esperienze con i PC emetterà una lunga serie di “Ohhhh” ogni qual volta si imbatterà in una inedita feature di Lion mentre chi già usa OSX troverà molti miglioramenti ma anche diverse cose che lasciano il tempo che trovano, per esempio la differenza tra il il Launchpad e lo stack della cartella Applicazioni sul Dock mi sfugge se non per il fatto che il Launchpad si scorre con le dita in orizzontale…

Quello che è davvero nuovo è la possibilità di installare l’ambiente server insieme al client, cosa che farà al caso di molti uffici che non sono mai riusciti ad implementare una vera rete perché il dover dedicare una macchina alla funzione server era considerato troppo oneroso o troppo complicato o perché nessun consulente tradizionale sarebbe mai arrivato a proporre un server Apple se non negli ambienti tradizionali della mela o per la endemica italica pigrizia della serie “abbiamo sempre fatto così..”..

Ormai diverse realtà piccolo-aziendali tradizionalmente legate ad MS Office sono passate a Mac per tutta una serie di ragioni che ben conosciamo ma il server è sempre rimasto il lato oscuro della mela perché a dire il vero lo conoscono in pochi mentre trovandolo dentro Lion, anche se ancora non disponibile in italiano ma con le nuove caratteristiche che lo rendono gestibile in maniera più intuitiva, si può ben sperare una nuova e più ampia diffusione di OSX Server..

Ergo, al di la di tutte le considerazioni strettamente tecniche e sulla evoluzione rispetto ai sistemi precedenti, Lion è un sistema destinato ad accogliere in maniera amichevole una vasta fascia di utenza tra chi già possiede un iPhone/iPad/iPod, persone che acquistano a spron battuto da App Store e da iTunes, una fascia consumer molto redditizia che sarebbe stato un peccato lasciare confinata nei devices IOS, poi la mossa client/server aggredisce la fascia di utenza SOHO, un target diverso ma con gli stessi obiettivi da parte Apple perché il pollaio delle galline dalle uova d’oro non è mai abbastanza grande..

Sarà davvero una estate da Leoni ed in modo particolare per i possessori di azioni AAPL che sentiranno il loro portafogli ruggire del valore aggiunto da menti diabolicamente creative e lungimiranti..

Tags: , , , , , , , ,

Shortlink: http://www.tevac.com/?p=7688

Nessun commento ancora.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: