Varie forme di scrittura… musicale

Tastiera e musica: è un binomio che resta valido anche se decidiamo di dimenticare gli anni ‘80 e di concentrarci unicamente sul computer.

Ad esempio in diversi sono frustrati dall’imporsi delle tastiere a corsa breve anche per via del loro suono, diverso, meno vigoroso di quelle di un tempo: Shawn Blanc ha consacrato un intervento dettagliato alla questione. Il punto è che non è una cosa da niente il ritmo dei tasti: che ti accompagna mentre scrivi e disciplina quasi il tuo pensiero: le parole si materializzano nell’aria e ti sospingono anche quando staresti per fermarti. Un fascino che si ritrova appieno nel rumore delle macchine da scrivere e che non è incompatibile con il computer e le tastiere a corsa breve: c’è un’applicazione apposita!

Si può dire che se le tastiere hanno una musica propria, l’evoluzione verso dei tasti più silenziosi ha portato a creare delle soluzioni informatiche per restituire il suono perso. A questo punto, però, la macchina da scrivere è solo una delle infinite possibilità che si dischiudono.

Lungo il sentiero di queste possibilità si trova Patatap: non ne dico di più perché si tratta di un sito pericoloso. Aprirlo e passare minuti a pigiare la tastiera con sguardo felice ed ebete sono praticamente la stessa cosa!

Per allontanarci ancora di più dalla semplicità del suono come semplice prodotto della pressione dei tasti, un’ultimo gradino mi è stato offerto da Masolino, la cui segnalazione mi ha fatto venire voglia di riunire questa galleria sonora. In questo video emacs viene sfruttato per, tramite Overtone, fare musica scrivendo.


Rinvii

Tags: , ,

Shortlink: http://www.tevac.com/?p=14810

Nessun commento ancora.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: